Ricercate la offerta vacanzeAlberghiAlloggio privatoAppartamentiCamereCaseRistorantiCaffe_bar
L'Istria BluValle(Bale)BanjoleFasana, FazanaAlbona, LabinLisignano, LiznjanMarcanaMedulino, Medulin
L'Istria VerdeBarbanaVerteneglio (Brtonigla)Buie/BujePinquente/BuzetCerretoGallignanaGrisignana

Parco naturale di Monte Maggiore, Istria

  • Segna questa pagina
  • Questa funzione consente di segnare i siti che ti piacciono per dopo confrontarli, inviare gruppi di richieste e simile. I siti segnati appaiono nella colonna in alto a destra, sotto "Segnalibri (Bookmarks)" e non sono memorizzati nei preferiti del vostro browser!

 

Parco naturale di Monte Maggiore


Nei tempi antichi il dio supremo Perun, circondato da querce secolari e aquile possenti, governava il mondo dalla cima della montagna lanciando sassi e frecce di pietra a tutto il male che minacciava il suo regno. Da allora sono passate molte estati e come ricordo di quei tempi antichi rimangono la collina Perun, il fiore di iris e numerosi vecchi alberi di quercia che accudiscono la pace ed i segreti del verde Monte Maggiore. Il Monte Maggiore (Učka) ha tratto il nome dal termine slavo "ljučka", che segna il confine tra l'Istria magica e la terra "di qualcun altro" governata da un popolo straniero.

Oggi il parco naturale di Monte Maggiore è un fenomeno unico della diversità della natura. In questo paradiso quasi incontaminato di 160 km2 ci sono piante endemiche e specie animali protette, testimonianze della presenza umana di 12 000 anni fa, monumenti geomorfologici formati da acqua e vento da più di 140 milioni di anni, più di 200 sorprendenti forme di grotte con un impressionante decorazione speleologica, borghi segreti in pietra abbandonati. L' acqua pulita che sorge e scorre qui, da forma al territorio da milioni di anni e porta vita in ogni suo angolo. I sentieri del parco offrono un viaggio favoloso. Il Monte Maggiore è il luogo preferito dai turisti per la sua magnifica vista e una cucina eccellente ma è anche una delle principali destinazioni per gli escursionisti, alpinisti, ciclisti, scalatori e deltaplanisti che qui trovano la natura nella sua forma originale.

Storia


La geomorfologia del Monte Maggiore racconta di un processo che dura da 140 milioni di anni. L'era del Cretaceo ha lasciato il segno sui pilastri e canyon dove sono state trovate conchiglie e foraminiferi. La presenza umana sul Monte Maggiore risale a 12 000 anni fa. Alla fine dell'era glaciale qui viveva un gruppo di persone che si procurava il cibo cacciando e abitavano nelle caverne. I reperti della grotta di Pupićin del periodo neolitico indicano che i pastori presero padronanza dell’agricoltura, l'allevamento e lavorazione del latte. La scoperta dei metalli, soprattutto del bronzo, portò alla gente lo sviluppo del commercio e le conquiste. In quel periodo questa zona fu abitata dagli histri e i liburni che, oltre ad occuparsi di bestiame e commercio fecero anche i pirati. L’arrivo di Roma significò l'abbondanza, la costruzione di strade e il progresso in generale. I famosi formaggi del Monte Maggiore e di Cicciaria si fanno ancora oggi su ricetta proveniente proprio da quel periodo.

La caduta di Roma e l'inizio del Medioevo significò frequenti guerre, conflitti e malattie, ma anche una serie di immigrazione di nuovi residenti, soprattutto di slavi. Per motivi di sicurezza furono costruite molte fortezze e città fortificate. La gente del posto credeva agli dèi e miti slavi. Lo spazio tra la collina Perun e il borgo Trebišće era uno spazio sacro. Nel decimo secolo il Monte Maggiore fu la frontiera tra il Regno croato e l'Impero franco e quindi zona di molti conflitti. Per molti secoli dopo, il territorio fu devastato dalla peste e nel 15° secolo qui si stabilì la popolazione dei vlachi. Alla fine del 19° secolo fu registrata la prima escursione sul Monte Maggiore. Molto presto sul Poklon furono costruiti la casetta di montagna e il belvedere. Durante la Seconda guerra mondiale, il Monte Maggiore diventò la base della resistenza di guerriglia contro l'esercito di occupazione, il che attuò la politica di persecuzione, incendi e omicidi. Dopo la Seconda guerra mondiale, il Monte Maggiore fu annesso alla Jugoslavia e, infine, nel 1991 alla Repubblica di Croazia.

Raccomandiamo


Biodiversità – il Monte Maggiore ospita 10 specie endemiche sotterranee, 234 specie di farfalle, 20 specie di rettili, cinghiali, camosci e orsi e oltre 160 specie di uccelli tra i quali importante è nominare l'aquila reale. Qui ci sono foreste di faggio, rovere, carpino, pino nero e castagno, campi e pascoli con numerose specie di piante protette. Un posto speciale va alla stella alpina e primula alpina nonché alla campanula.

Canyon Vela draga – monumento geomorfologico naturale, offre pittoreschi pilastri di calcare e roccia con fossili visibili, una delle mete preferite per gli alpinisti e scalatori, con un bellissimo belvedere. In questa zona c'è la grotta di Pupićin, con resti di presenza umana che risalgono a più di 12 000 anni fa.

Monte Perun – altezza 880 metri, una volta centro della vecchia mitologia slava sulle antiche divinità, è ricco in natura e antichi borghi conservati come il villaggio di Trebišće, con vecchi edifici e il mulino.

Draga di Laurana - un bellissimo canyon e l'omonimo villaggio, la chiesa barocca di San Michele, cascata attraente che porta fino al mare, dolci di castagne, querce e carpini, vecchie terrazze

Veli Planik - 1272 metri di altezza, con bellissime rocce nude sopra fitte foreste e un belvedere che offre una vista unica a 360 gradi

Korita - la sorgente di acqua che si rovescia sopra dieci conche in legno massiccio ai cui piedi si trova una grande quantità d'acqua ricca di piante e vita animale.

Kožljak - il castello medievale del 12° secolo, costruito su una ripida scogliera; con scale conservate

Vojak – la vetta più alta del Monte Maggiore, 1401 metri di altezza, con la vecchia torre per vedere il Golfo del Quarnero con le isole, le montagne del Gorski Kotar, Velebit, le Alpi e l'Italia

Tempo libero e Sport – il Monte Maggiore è un luogo che attrae molti escursionisti a causa dei suoi bellissimi percorsi informativi e molti alpinisti, ciclisti di diverse categorie, deltaplanisti, speleologi e avventurieri dello sport per l'eccellente offerta di attività sportive

Eventi


Fiera di Monte Maggiore, Poklon – fiera del patrimonio etnologico con ricca offerta gastronomica di prodotti autoctoni, mostre, artigianato tradizionale, i costumi e strumenti musicali 05.09.

Mihoja, Draga di Laurana - una festa popolare tradizionale con intrattenimento e offerta gastronomica, tra cui i più significativi sono i piatti tradizionali a base di bietole e fagioli 29.09.

Le ricerche


    Preferiti
    Annunci sponsorizzati